Comune di
Scarnafigi
Comune di
Scarnafigi
Comune di
Scarnafigi  Provincia di Cuneo
Il comune su link_facebook link_twitter link_youtube link_google link_rss
Stai navigando in : Il Territorio > Galleria immagini
   Il Territorio
GALLERIA FOTOGRAFICA

Scarnafigi sorge nella pianura saluzzese a 296 metri di altitudine sul livello medio del mare ed attualmente il proprio territorio confina con i seguenti Comuni limitrofi: Saluzzo, Torre San Giorgio, Villanova Solaro, Ruffia, Monasterolo di Savigliano, Savigliano e Lagnasco. Per secoli, Scarnafigi è stato terra di confine tra il Ducato di Savoia ed il Marchesato di Saluzzo. Gli insediamenti umani e nuclei abitati più antichi di cui si ha traccia, risalgono all’età del ferro e alle epoche romana, barbarica e longobarda e sono stati documentati da reperti archeologici (anfore di rame con bronzi dell’Antica Roma, tombe e teschi di guerrieri barbari o longobardi con spada e cinturone) rinvenuti in scavi occasionali presso “Cascina Morina”, “Cascina Mittera” e “Cascina S.Vittorio”. La prima carta che attesta l’esistenza del paese è del 989. Etimologicamente il nome di Scarnafigi può avere radici longobarde o tardo romaniche, come indica la desinenza etnica, plurale, “igi”. Le vicende del paese si diramano in ambito religioso e civile.

Storia religiosa
Le monache benedettine di S.Pietro tennero il priorato a Scarnafigi ininterrottamente dal 989 al 1571. Con ogni probabilità il monastero, di cui non si ha più traccia, si trovava in prossimità del castello, anch’esso già esistente prima del “Mille” anche se in strutture e forme diverse dalle attuali. Sul territorio esercitavano una rilevante influenza l’abbazia di Staffarda, proprietaria delle tenute “Grangia” e “Fornaca”, l’abbazia di Rifreddo alla quale appartenevano alcune terre. La parrocchia di Scarnafigi appartenne alla diocesi di Torino fino al 1805, anno in cui venne aggregata a quella di Saluzzo.

Storia civile
Intorno al “Mille” il territorio era tra i possedimenti della contessa Adelaide di Torino, discendente della dinastia arduinica. Alla sua morte (1091) il feudo passava a Bonifacio del Vasto, capostipite dei marchesi di Saluzzo e da lui a Guglielmo marchese di Busca (1135). Iniziò poi un diverso scambio di dipendenze che videro succedersi dal 1239 al 1395, i marchesi di Saluzzo, i signori di Barge, i conti Savoia ed infine la famiglia De Ponte che dal 1395 al 1850, giocò un ruolo di primaria importanza nelle vicende del paese. La peste ricomparve più volte nel territorio decimando la popolazione (1564,1575-77, 1579, 1630); le truppe napoleoniche negli anni della rivoluzione francese compirono saccheggi ai danni del castello, della chiesa e delle abitazioni civili; anche i tedeschi nella seconda guerra mondiale occuparono il castello ed il collegio. Nel referendum del 2 giungo 1946, Scarnafigi si esprimeva a favore della Monarchia..

Il Castello

Il Castello

La Parrocchiale Maria Vergine Assunta

La cappella della Santissima Trinità

La Confraternita Santa Croce

Il Collegio

Il Palazzo Comunale

Il Palazzo Comunale

Il Santuario del Cristo

La chiesa dell’Ospedale

/
            
    Effettua il login
                  
    Oppure registrati
    Comune di Scarnafigi
    Corso Carlo Alberto, 1 - 12030 (CN)
    Tel: 0175.74101-74402
    Fax: 0175.74619
    Email: segreteria@comune.scarnafigi.cn.it
    Partita IVA: 00475350047
    Email: segreteria@comune.scarnafigi.cn.it
    Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
    consultare la pagina UFFICI
    Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UFWOI2
    Codice ISTAT: 004217
    Codice catastale: I512
    Codice fiscale: 85002050046
    Partita IVA: 00475350047
    Conto Corrente Postale: 15878127
    IBAN (per i vostri bonifici bancari):
    IT 05 L 06295 46770 T2099 0010045

    Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

    Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

    eng fra esp deu
    ru chi ara por
    Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

    Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
    accetto
    Utilizzo dei COOKIES
    Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
    L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
    Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

    Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
    Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

    Consulta il testo del provvedimento